Intervista a Serena Gamberoni e Francesco Meli

Serena GamberoniSerena Gamberoni, soprano
Dopo aver conseguito l’esame di violino sotto la guida di Zoran Milenkovic, Serena Gamberoni inizia gli studi di Canto al Conservatorio di musica “F. A. Bomporti” di Trento, nel 1996. Nel 1999 si diploma in canto lirico e frequenta inoltre vari corsi di perfezionamento con Franca Mattiucci, Luigi Alva, Renato Bruson, Piero Cappuccilli, Maria Chiara, Ghena Dimitrova e Gabriella Tucci.  Allieva di Alida Ferrarini, attualmente studia con Raina Kabaivanska. Nel 2000 si esibisce in qualità di solista con orchestra ad Este e debutta nel ruolo di Zerlina in Don Giovanni di Mozart a Galliera Veneta, spettacolo poi ripreso a Ivrea ed al Teatro Carignano di Torino; prende parte quindi a Rigoletto di Verdi a Tortona ed a numerosi concerti dell’Accademia della Voce a Torino presso il Circolo Ufficiali ed il Circolo della Stampa. Nel 2002 partecipa a numerosi concorsi aggiudicandosi vari premi. Nel 2004 è vincitrice del Concorso Europeo As.Li.Co per i ruoli di Adina nell’Elisir d’amore di Donizetti e Sophiein Wertherdi MassenetDebutta Gilda in Rigoletto di Verdi a Caracas a fianco di Aquiles Machado ed interpreta la Sinfonia Lobgesang di Mendelssohn con la Fondazione Toscanini al Duomo di Parma. Debutta al Teatro Carlo Felice di Genova nel ruolo di Giannettanell’Elisir d’amore, è Susanna nelle Nozze di Figaro di Mozart nel 2005, Oscarin Un ballo in maschera di Verdi e Norinain Don Pasquale di Donizetti. Veste i panni di Nannetta in Falstaff di Verdi diretta da Jeffrey Tate che inaugura la Stagione 2006/07 al Teatro di San Carlo di Napoli. Successivamente debutta al Regio di Torino nell’Elisir d’amore; prende parte ad una nuova produzione di Orphée et Eurydice di Gluck al fianco di Roberto Alagna a Bologna; canta Così fan tuttedi Mozart a Parma, Don Pasquale al Regio di Torino, Die Zauberflöte di Mozart a Cremona, Un ballo in maschera a Minorca, Parma e Torino; partecipa ad un recital in Giappone, a Roméo et Juliette di Gounod a Cremona ealla Bohème a Macerata. Tra i recenti impegni, il debutto alla Scala di Milano in Un ballo in maschera, L’Elisir d’amore ad Ancona e Gianni Schicchi a Torino.  Al Teatro Filarmonico di Verona debutta in Falstaff di Verdinel 2011 e torna nel 2013 per L’Elisir d’amore. All’Arena di Verona debutta nel 2011 con La Traviata di Verdi e La Bohème di Puccini; torna all’Arena per Un ballo in maschera, produzione che inaugura il Festival 2014.

Francesco MeliFrancesco Meli, tenore
Inizia gli studi di canto con Norma Palacios al Conservatorio “Paganini” di Genova e li prosegue con Vittorio Terranova. Nel 2002 debutta in Macbeth di Verdi, Petite Messe Solennelle di Rossini e Messa di gloria di Puccini, teletrasmessa per la RAI, al Festival dei due Mondi di Spoleto. Si esibisce poi a Lisbona, Bologna, nel Circuito Lombardo, a Venezia, Firenze, Genova, Zurigo, Verona, Torino. Debutta al Teatro alla Scala di Milano in Les Dialogues des Carmelites di Poulenc diretto da Riccardo Muti, e vi torna per Otellodi Verdi, Idomeneo e Don Giovanni di Mozart,Maria Stuarda di Donizetti e Der Rosenkavalier di Strauss. Nel 2005 inaugura le stagioni del Rossini Opera Festival di Pesaro in una nuova produzione di Bianca e Falliero, del Carlo Felice di Genova con Don Giovanni e della Scala di Milano con Idomeneo di Mozart. Canta poi per tre anni consecutivi all’apertura della Stagione a Pesaro e torna regolarmente a Milano, Parigi, Valencia, Lione, Firenze, Tokyo, Vienna e Parma. Debutta in Don Giovanni al Théâtre des Champs-Élysées, dove torna per un nuovo Falstaff di Verdi e a Lione nellaSonnambula di Bellini. A Vienna prende parte a Così fan tutte di Mozart diretto da Riccardo Muti e a una nuova Anna Bolena di Donizetti; a Tokyo canta in Maometto II di Rossini e al Covent Garden in Rigoletto di Verdi.
Dal 2009 abbandona progressivamente i ruoli del Belcanto del primo Ottocento in favore di ruoli più lirici: dopo i debutti neiLombardi alla prima crociata e Simon Boccanegra di Verdi e Werther di Massenet a Parma, si esibisce a Macerata ancora neiLombardi alla prima crociata, al Metropolitan di New York in Rigoletto,a Vienna in Simon Boccanegra, a Parma in Un ballo in maschera di Verdi, a Venezia nel Trovatore di Verdi, a Washington in Werthered a Los Angeles neiDue Foscaridi Verdi. Nell’anno verdiano inaugura la stagione all’Opera di Roma con una nuova produzione di Simon Boccanegra diretta da Muti.Di recente interpreta Riccardo in Un ballo in maschera all’Accademia di Santa Cecilia, diretto da Antonio Pappano, Requiem di Verdi a Londra, Torino e Parma, Ernani all’Opera di Roma. Nel 2005-2006 prende parte alla Stagione Sinfonica al Teatro Filarmonico, e vi torna nel 2013 per L’Elisir d’amore di Donizetti.   All’Arena di Verona debutta nell’edizione del Barbiere di Siviglia del 2007 ripresa nel 2009;nel 2011 e nel 2013 canta nella Traviata di Verdi. Nel 2013 partecipa al Gala Verdi e al Gala Domingo-Harding.Torna all’Arena nelle vesti di Riccardo in Un ballo in maschera, opera inaugurale del Festival 2014. Foto Ennevi per Fondazione Arena

 

 

Share This

1 comment

  1. Adele Rovereto

    Due straordinari cantanti dalla forte presenza scenica, che ho avuto il piacere di ascoltare in diverse occasioni al Teatro Regio di Torino. L’ultima volta in uno spumeggiante “Gianni Schicchi”, due mesi fa, ove la coppia ha dato prova di non comune sensibilità artistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *