“Progetto Opera Rovereto 2017: La Traviata”

“Progetto Opera Rovereto 2017: La Traviata”

Dopo il grande successo del 2016, torna a Rovereto il festival lirico Progetto Opera che, giunto ormai alla sua quinta edizione, sarà dedicato quest’anno a “La Traviata” di Giuseppe Verdi. Promosso dall’Associazione Culturale Euritmus, fondata nel 2006 dal Trio d’archi Broz, composto dai fratelli roveretani Barbara (violino), Giada (violino e viola) e Klaus (violoncello) Broz, in collaborazione con le Associazioni Spagnolli-Bazzoni Onlus e Anthropos di Rovereto, l’Accademia della Belle Arti di Verona, l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e GBopera Magazine, il Festival inizierà mercoledì 26 aprile e si concluderà domenica 30 aprile. “Progetto Opera – spiega il direttore artistico Klaus Broz –trasforma Rovereto in un crocevia dove giovani artisti di tutto il mondo possono dialogare e confrontarsi attraverso la musica con un pubblico altrettanto giovane e se pensiamo all’Opera, non convenzionale”. La quinta edizione di Progetto Opera si sviluppa intorno a “La Traviata” che, scritta da Giuseppe Verdi nel 1853, è ad oggi l’opera lirica più rappresentata al mondo.
Il Festival ha ottenuto quest’anno il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali italiano, avviando al contempo un’importante collaborazione internazionale con il Regno di Giordania. “La Traviata”, in scena a Rovereto il 29 aprile, verrà infatti riproposta tra il 19 e il 22 luglio al Teatro romano di Hamman alla presenza di Re Abdallah II, per il tramite dell’Associazione Culturale Euritmus. Mai fino ad ora un’opera lirica era stata messa in scena in tale cornice. Per suggellare il ruolo della musica come veicolo di pace e dialogo interculturale e interreligioso, la principessa madre della Casa Reale di Giordania Muna al-Hussein ha deciso di patrocinare il concerto di apertura del Festival Progetto Opera, che si terrà mercoledì 26 aprile alla Sala Filarmonica alle 20.45. Il concerto, diretto da Silvia Mazzarelli, vedrà la partecipazione dell’Orchestra delle Alpi e della soprano giordana Zeina Barhoum. Sarà presente all’evento una delegazione ministeriale in rappresentanza del Regno di Giordania.
Il 28 aprile alle 20.45 sempre alla Filarmonica, si terrà il recital pianistico “Clair de lune”, con Valentina Fornari e Alberto Nosè, vincitore di alcuni tra i più prestigiosi riconoscimenti internazionali come il “Top of the World International Piano Competition” di Tromsø (Norvegia) e il concorso di Marsiglia, a cui possono accedere solo i pianisti che abbiano già vinto una competizione internazionale.
Sabato 29 aprile alle 20.45 il Teatro Zandonai ospiterà la prima de “La Traviata”, diretta dal Maestro Lorenzo Tazzieri, con la regia di Luigi Orfeo, le scene di Caterina Pinelli e i costumi di Giorgio Bagnoli. Nei ruoli principali Mirella Di Vita/Laura Alonso Padìn (Violetta), Romolo Tisano/Hyunjung Song (Alfredo), Daniel Ihn-Kyu Lee/Franco Rossi (Germont), Serena Romanelli (Flora), Thayana Roverso (Annina), Tiziano Barontini (Gastone), Franco Montorsi (Barone Douphol), Nicola Ebau (Marchese Obigny), Francesco Leone (Dottor Grenvil). Coro Lirico Trentino diretto da Simone Zuccatti, in collaborazione con il Coro Polifonico del Laboratorio Musicale Ravina. 
Particolare attenzione è stata data durante l’allestimento agli intrecci cromatici tra luci e fari che valorizzano la tensione musicale e letteraria offerta dal libretto e permettono allo spettatore di immergersi nelle vivide atmosfere create dal genio verdiano. L’opera verrà riproposta in replica pomeridiana domenica 30 aprile alle 17.00. I gruppi classe potranno invece assistere alla pièce in anteprima sabato 29 a partire dalle 10.30. Nell’ambito di questa produzione si colloca l’intervento del Liceo coreutico dell’Istituto polispecialistico Suor Orsola Benincasa di Napoli che, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro ministeriale, ha trovato il giusto spazio per otto alunni selezionati e quattro solisti prifessionisti, per le coreografie di Andrea Doria.  Nel “doppiaggio” dei cantanti per i ruoli principali Viviana Petrone, docente di tecnica classica del Liceo coreutico Suor Orsola Benincasa e Andrea Doria, coreografo e danzatore freelance. I ruoli solistici dell’atto II saranno affidati a Monica De Benedetta e Alessandro Amoroso, docenti rispettivamente di Tecnica classica e di Tecnica contemporanea del Suor Orsola Benincasa. Prima esperienza lavorativa in un’opera per gli alunni Simona Aprea, Elisa Cuomo, Marika Morra, Elena Sofia Petti, Annalisa Senesi, Andrea Serrao, Margherita Uttieri, Vincenzo Varchetta. Responsabile del progetto di partnership per il Suor Orsola Benincasa, la professoressa Maria Venuso, docente di Storia della danza.
Per tuttle le info riguardanti gli eventi e i percorsi in progrmma, www.progetto-opera.it
Le prevendite sono disponibili nel circuito “Primi alla prima” delle Casse rurali trentine.

Per informazioni:
Klaus Broz – Direttore Artistico
Progetto Opera Rovereto 2017
+39 347 9180902 +39 340 0579545

Martina Dei Cas – Ufficio Stampa
stampa@euritmus.com
39 340 0579545

Share This

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *