La danza in Italia nel Novecento e oltre: teorie, pratiche, identità  

La danza in Italia nel Novecento e oltre: teorie, pratiche, identità  

Convegno Internazionale di Studi – Bologna, 28/30 marzo 2019

 Un’importante iniziativa e un accurato programma di appuntamenti dedicati a La danza in Italia nel Novecento e oltre: teorie, pratiche, identità a cura di Elena Cervellati e Giulia Taddeo si svolgeranno in questo mese di marzo, inclusi nella nuova stagione della Soffitta del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna. Temi centrali, approfondimenti per un’analisi più ampia della danza nel Novecento fino ad oggi saranno il punto d’incontro di interessanti e formative discussioni della conclusiva tavola rotonda, che si realizzerà da giovedì 28 a sabato 30 marzo, in cui interverranno critici, studiosi e coreografi per riportare al centro di importanti discussioni le teorie, pratiche e identità della danza. La giornata di apertura del convegno accoglierà interventi di taglio storico, dedicati al periodo compreso tra l’inizio del secolo e i primi anni Settanta, nonché la presentazione di materiali inediti del Fondo Mario Porcile, dedicato all’ideatore e organizzatore del Festival Internazionale del Balletto di Genova-Nervi (1955-2004) e ospitato dall’Associazione Cro.Me. Cronaca e Memoria dello Spettacolo (Milano). La seconda giornata si muoverà, invece, intorno al proposito di costruire un “glossario d’autore”: assumendo come orizzonte temporale il periodo che va dagli anni Ottanta a oggi, i relatori saranno sollecitati a proporre parole-chiave che possano stimolare una riflessione attorno alla creazione coreografica contemporanea. Sul tema, si collocano anche alcuni brevi interventi danzati offerti dal Gruppo Terza Danza, diretto da Franca Zagatti, al quale si uniranno gli studenti del Corso di Laurea in DAMS, con esperienza nella danza di comunità, e da due danzatrici e coreografe di primo piano nel panorama della danza di oggi: Simona Bertozzi e Adriana Borriello. (In allegato il programma)

 

 

 

Share This

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *