Rossini: “Furore e Magia” – parte 1



Sergio Ragni
, musicologo e musicofilo, è tra i più noti collezionisti rossiniani. Dalla sua casa napoletana, la Villa Belvedere, prende il via la serie di incontri dedicati a Gioachino “Rossini, furore e magia”.

In questa casa, dove molto probabilmente il Compositore fu ospite durante le sue stagioni napoletane al San Carlo, si percepisce tuttora la sua viva presenza attraverso una collezione prestigiosa di oggetti, spartiti autografi, lettere che testimoniano concretamente la eccezionalità e la modernità, per così dire, “mediatica” del Genio pesarese. Un fenomeno musicale (e non solo) vitalissimo ieri come oggi.

One Comment

  1. PIerre Levi

    Buongiorno, M° Ragni,
    Sono uno dei pochi francesi emigrati da giovane in Italia per l’amore per Gioacchino Rossini. Non ci siamo mai incontrati ma ho studiato a Pesaro per molti anni e scritto anche un romanzo su Rossini. Mi sarebbe piaciuto incontrarla perché sto lavorando su un enorme progetto che ben al di là della musica di Rossini ma che riguarda l’umanità.
    Grazie per la sua eventuale risposta.
    Un cordiale saluto.
    Pierre Levi

Lascia un commento