Presentata la programmazione 2022-2023 del Teatro La Fenice di Venezia

Si è svolta questa mattina (mercoledì, 13 luglio 2022), presso le Sale Apollinee del Teatro La Fenice, la tradizionale conferenza stampa per presentare la nuova programmazione (2022-2023) del teatro veneziano. Relatori: il sovrintendente-direttore artistico Fortunato Ortombina e il direttore generale Andrea Erri, il quale, a sorpresa, ha subito preso brevemente la parola per annunciare la notizia, fresca di giornata, della nomina di Ortombina a commendatore. Onoreficenza che l’insignito ha subito voluto generosamente condividere con tutti i lavoratori del teatro e con il pubblico.
Tra le novità programmate, è stata segnalata da Ortombina la preponderanza dei titoli sinfonici – che salgono a diciotto –, vista la capacità attrattiva di questo repertorio rispetto all’opera e al balletto, i cui titoli in cartellone sono rispettivamente quattordici e due. Altra novità: una rassegna di musica sacra – ulteriore sviluppo del progetto dedicato a Vivaldi –, che si svolgerà tra aprile e maggio 2023, in collaborazione con la Diocesi di Venezia, nella Chiesa di S. Fantin (sita proprio di fronte alla Fenice).
Completamente restaurata e riaperta dopo anni di chiusura, questa chiesa – dove la Callas, Corelli e Del Monaco erano soliti dire una preghierina poco prima di esibirsi di fronte al pubblico – potrà ospitare, nell’area presbiteriale, l’orchestra e il coro, mentre gli spettatori troveranno posto nella navata. Nuovi spazi saranno disponibili anche per il Teatro Malibran, grazie all’acquisizione di alcuni appartamenti ad esso attigui, con la possibilità di intensificare e diversificare le attività, mentre l’acquisizione del Prisma di Vetro, permetterà alla Fenice di trasferire nell’edificio di Marghera il magazzino e parte del laboratorio, nonché di svolgervi degli spettacoli. Continuerà, potenziata, l’attenzione ai giovani – dai più piccoli agli under 35 – così come l’avvicinamento del teatro alla gente nella convinzione che la cultura vada incrementata soprattutto nella sua valenza sociale.
Questi non sono che alcuni punti salienti della conferenza. Per informazioni dettagliate sui cartelloni, consultare le pagine relative la prossima stagione veneziana.

Lascia un commento