“Senza trucco!”… Vittorio Grigolo

Il tenore Vittorio Grigolo più che con la camicia è nato con l’allegria attaccata alla pelle. E come se non bastasse anche con l’ “ugola d’oro e le corde d’acciaio” (anche se in verità l’ugola non c’entra nulla con l’emissione del suono). Gli aggettivi sulla bravura e il carisma del “pavarottino” straripano da riviste, radio, TV e siti internet. Mentre qualcuno si sforza di comprendere se la sua voce è pronta per “Questa o quella per me pari sono a quant’altre d’intorno”, e qualcun’altro si diverte ad indovinare la marca del suo ultimo eau de parfum o dell’orologio che adorna il suo polso, Vittorio procede lungo la sua strada, anzi in volo a bordo di uno dei suoi amati elicotteri. Una partenza prudente, attenta all’aria, al vento che tira e poi un viaggio libero tra le opere più adatte alla sua maturazione vocale (Elisir, Faust, Lucia di Lammermoor, Lucrezia Borgia, Il Corsaro, Les Contes D’Hoffmann, Manon, Traviata, Bohème, Roméo et Juliette).Poche soste per fare rifornimento di energia ed incidere CD (The Italian Tenor) quali finestre aperte sulla sua voce ma anche sulla sua vita…

Qual è il tratto principale del tuo carattere?
La spensieratezza e la gioia di vivere…
E il tuo peggior difetto?
Spensieratezza… a volte dimentico e i miei voli pindarici mi portano in altri mondi ed altri spazi da dove non si vede terra!
Segno zodiacale?
Acquario e pesci… cuspide!
Sei superstizioso?
A volte… la superstizione e’ un difetto credo…
E in cosa si manifesta il tuo essere superstizioso?
A volte, intendo dire che spesso prima di passare sotto una scala ci penso due volte…ma forse sono solo consuetudini di una societa’ troppo presente nelle nostre vite…e che spesso ci condiziona un po’.
Che rapporto hai con la spiritualità?
Ci credo…credo che lo spirito governi il mondo extrasensoriale che è in noi… Il fatto di amare la musica e stupirmi di fronte alla sua bellezza mi regala ogni volta emozioni grandissime che mi fanno capire cosa significa la spiritualità ovvero quando questa si trasforma in inspirazione…. cioè… in spiritus…con lo spirito!!!
Hai mai sofferto d’invidia?
No… credo sia un difetto che limiti la crescita di un individuo.
Cosa volevi fare da grande?
Il papa… stranamente… poi la vita mi ha fatto prendere altre pieghe e subito mi sono buttato ad alta velocità sui motori e sulle note a tutto gas.
La tua famiglia ha influenzato le tue scelte ?
No, ma devo dire che le ha appoggiate sempre dandomi il massimo…anche troppo spesso.

Quali sono i tuoi ricordi più cari?
Quando da piccolo ho incominciato ad amare la musica lirica cantando in macchina con mio papà’…o condividere con la famiglia momenti speciali tutti insieme come le feste che oggi invece spesso mi trovano impegnato in giro.
Qual è stato il tuo momento di maggior orgoglio?
Quando mi sono pagato la macchina!!!!  Troppo felice !
Qual è la delusione più grande che hai mai avuto?
Quella di non potermene comperare una più veloce…(ride).
Cosa manca nella tua vita oggi?
Nulla…tutto è al posto giusto….forse un po’ di tempo libero!!!!
Di che cosa hai paura?
Di nulla, o forse di perdere le persone care quando meno me lo aspetto.
Hai un sogno ricorrente?
Gli angeli…
Che importanza dai al denaro?
Nessuna. E’ uno strumento.
In cosa sei più spendaccione?
In tuttooooooo!!! Mannaggia!!!
Collezioni qualche oggetto?
Orologi ed elicotteri, ovviamente radiocomandati!!!  La mia passione fuori dalla musica.
Quali sono le tue letture preferite?
Quotidiani e libri thriller.
Qual è il tuo profumo preferito?
“Hugo Boss collection”, “Dior Homme” e “Alessandro Dell’Acqua”.

Città preferita?
Sono molte….Roma, Los Angeles, Londra…
Colore preferito?
Il Blu! Per tutta la vita in tutte le salse…
Fiore preferito?
Il Girasole non solo bello ma anche “intelligente”!
Il cantante o i cantanti preferiti?
Tutti quelli che mi fanno stare bene e mi danno emozioni indistintamente dal repertorio…ascolto la musica a 360 gradi.
Qual è stato primo disco che hai acquistato?
E chi se lo ricorda! Credo qualche album dei Bee Gees  e Michael Jackson.
Qual è il film che hai amato di più?
Più di uno! Tutti quelli di azione con Stallone e Schwarzenegger.
Qual è la stagione dell’anno che preferisci e perché?
La primavera e fine estate. Comunque quelle con tanto sole.
Che rapporto hai con la tecnologia e qual è il gadget tecnologico di cui non potresti fare a meno?
Direi ottimo. Amo la tecnologia e non potrei fare a meno del mio portatile  e del mio Blackberry. Si può dire piu’ semplice tutto o tutto molto piu’ complicato!
Che rapporto hai con la televisione?
Ne vedo pochissima… a distanza.
Che rapporto hai con la politica?
Lo stesso… la vedo, ma sempre a distanza.

Hai delle cause che ti stanno particolarmente a cuore?
La fame nel mondo ma ancor più la sete!
Qual è la situazione che consideri più rilassante?
Su una amaca in riva la mare con musica lounge ed un bel cocktail..
Qual è il tuo rifugio da tutto e tutti?
La mia stanza del modellismo e della musica dove potrei perdere facilmente la cognizione del tempo.
Qual’è la musica che di solito fa da sottofondo alle tue giornate?
Jazz…blues…Credo di essere stato nero in una vita precedente.
Cosa ti manca di più quando sei lontano da casa?
La pasta al ragu di carne di mamma!!!..Of course.
Qual è la vacanza o il viaggio che vorresti fare e che non hai ancora fatto?
Alle Maldive o ai  Caraibi.
Chi o cosa ti imbarazza?
Quasi nulla…forse di  imbarazzare gli altri.
Dieta mediterranea, dieta macrobiotica o fast food?
Mediterranea. Carboidrati a pranzo e proteine la sera.
Qual è il tuo piatto preferito?
Zucchine ripiene della nonna.
Vino rosso o bianco?
Entrambi…a seconda del cibo.
Il posto dove si mangia peggio?
Non sono così sofisticato. Mi adatto.
La musica è stata una vocazione?
Lo è sempre.
A chi non conoscesse la tua voce, cosa faresti ascoltare?
Tutto. Oggi si può: basta un click!
Come segui l’evoluzione della tua voce?
Piano, piano e con interesse. Sempre in allerta, cambia così velocemente.
Se ti fosse data l’opportunità di scegliere un ruolo, cosa canteresti?
“Romeo e Juliette” ma anche “Werther”.

Cosa fai un’ora prima di salire sul palco?
Mi trucco e suono due note al pianoforte…mi distende.
Cosa non manca mai nel tuo camerino?
Le foto dei miei “protettori”. Coca cola con ghiaccio e caffé, acqua ed una banana.
I tuoi “protettori”?
I miei santi in paradiso….Tutte le persone che mi hanno dato tanto e che non ci sono fisicamente piu’.
A cosa pensi quando ti guardi allo specchio?

Grazie….
Stato d’animo attuale?
Up!
Il tuo motto?
Cogliere lo straordinario nell’ordinario! E quando Il gioco si fa duro… I duri iniziano a giocare!

Un grazie all’amica Luisa De Salvo che ha contribuito in modo determinante… a “catturare
Vittorio

One Comment

  1. gabriele settembrini

    mi piace molto il suo carattere e la sua voce,anche se dovrebba studiare un po’ di piu’. la sua voce ancora non e’ bene impostata. dovrebbe sentire di piu’ tito schipa e jussy biorling ciao ( sono un baritono maestro di canto e si puo ascoltarmi su youtube)

Lascia un commento