Buenos Aires, Teatro Colón: “Lohengrin”

Buenos Aires, Teatro Colón, Stagione Lirica 2011
“LOHENGRIN”
Opera romantica in tre atti
Libretto e musica di Richard Wagner 
Heinrich der Vogler KURT RYDL
Lohengrin RICHARD CRAWLEY
Elsa von Brabant ANN PETERSEN
Friedrich von Telramund JAMES JOHNSON
Ortrud JANINA BAECHLE
Der Heerrufer des Königs GUSTAVO FEULIEN
Quattro nobili brabantini MATHIAS SCHULZ, CARLOS ULLÁN, SEBASTIANO DE FILIPPI, MARCELO BOLUÑA
Orchestra e Coro Stabile del Teatro Colón
Direttore Ira Levin
Maestro del Coro Peter Burian
Regia, scene e luci Roberto Oswald
Costumi Aníbal Lápiz
Buenos Aires, 25 settembre 2011
Dopo molti anni di assenza, è tornato Wagner all’interno della programmazione del Teatro Colón con una buona direzione, una discreta prestazione dell’Orchestra, l’eccellenza del Coro Stabile, la presenza di cantanti funzionali e una messa in scena sontuosa benché tradizionale.
Il Coro Stabile si è ben comportato sotto la guida di Peter Burian, mentre l’Orchestra Stabile, dopo un inizio incerto, ha trovato buone sonorità. Il Maestro Ira Levin ha dato vita ad una lettura complessivamente corretta della partitura.
Il tenore Richard Crawley, nei panni di Lohengrin, è stato complessivamente adeguato: di voce piccola ma ben timbrata ha saputo sfruttare al meglio le proprie risorse. Il soprano Ann Petersen è stata una stupenda Elsa tanto per la sua figura angelicata quanto per la buona fusione tra qualità sceniche e vocali. James Johnson ha dato vita ad un Friedrich dalla linea di canto nobile e sobrio in scena. Il basso Kurt Rydl è stato un Heinrich potente. Il mezzosoprano Janina Baechle ha creato un’Ortrud attorialmente diabolica ma con diversi problemi vocali. Gustavo Freulien è stato un Araldo molto valido, mentre corretto si è dimostrato il resto del cast. La messa in scena di Roberto Oswald si è configurata come bella, sontuosa ed efficiente ma povera di teatralità con i solisti che si sono limitati a cantare di fronte al pubblico. Belli i costumi di Aníbal Lápiz e molto buone le luci sempre a firma Oswald.

Lascia un commento