Milano, Teatro alla Scala: Daniel Harding dirige Weber e Dvořák 

Milano, Teatro alla Scala. Stagione sinfonica
Orchestra Filarmonica della Scala
Direttore Daniel Harding
Carl Maria von Weber: “Der Freischütz” (Il Franco Cacciatore), ouverture op. 77 J. 277. Antonín Dvořák: Sinfonia n. 9 op. 95 Dal Nuovo Mondo
Milano,  17 maggio 2021 – in streaming
Lunedì 17 maggio la Filarmonica della Scala ha proposto in streaming e nello stesso tempo in presenza con una capienza di pubblico limitata ai soli palchi un concerto di cui sono stati protagonisti Carl Maria von Weber e Antonín Dvořák dei quali sono state eseguite rispettivamente l’ouverture del Franco Cacciatore e la Sinfonia dal Nuovo Mondo. A salire sul podio è stato Daniel Harding che è stato autore di una concertazione complessivamente buona, anche se forse, almeno allo streaming, è mancata un po’ di tensione soprattutto nei momenti lirici dell’ouverture di Weber e nel primo tema del primo movimento della Sinfonia di Dvořák. Buona, comunque, in generale la scelta dei tempi e delle sonorità e ben accentuati i contrasti. Nella sua lettura della Sinfonia di Dvořák Harding sembra privilegiare i passi lirici come si può notare nel suggestivo secondo movimento, che costituisce, a giudizio dello scrivente, il momento migliore della serata. Con buon piglio sono stati eseguiti anche il terzo e il quarto movimento e bello è stato sentire alla fine l’applauso del pubblico dopo un così lungo e penoso lockdown.

 

Lascia un commento