Teatro Massimo di Palermo: Marc Albrecht dirige Schubert e Mahler

Palermo, Teatro Massimo, Stagione Artistica 2020/2021
Orchestra del Teatro Massimo di Palermo
Direttore Marc Albrecht
Franz Schubert: Sinfonia n. 3 in Re maggiore D 200; Gustav Mahler: Sinfonia n. 1 in Re maggiore “Il Titano”
Palermo, 12 maggio 2021 – in  streaming
La Terza sinfonia  di Schubert e la Prima sinfonia di Mahler sono state le protagoniste del concerto trasmesso in streaming dal Teatro Massimo di Palermo lo scorso 12 maggio. Sul podio il direttore Marc Albrecht, che è stato autore di una concertazione di altissimo livello a partire dalla scelta dei tempi particolarmente spediti e tali da mantenere sempre alta la tensione. Nella Terza di Schubert, inoltre, il direttore tedesco ha ottenuto delle ottime sonorità anche sui forti, mai pesanti e sempre adeguati al clima generale della sinfonia, come si può notare, per esempio, negli accordi che nella sezione modulante seguono la scala di semibiscrome ascendente. Molto ben evidenziati sono apparsi i temi dal primo esposto dal clarinetto al secondo eseguito dall’oboe. Molto buoni anche gli atri movimenti: è stato eseguito, infatti, con eleganza il Vivace Menuetto, dove, insieme al contrasto dinamico tra la prima semifrase (energica) e la seconda (brillante) del tema, è stato ben evidenziato il lirismo del danzante Trio; vorticoso e brillantissimo è stato il quarto movimento nel quale l’orchestra del Teatro palermitano ha mostrato tutto il suo virtuosismo. Di altissimo livello anche l’esecuzione della Prima di Mahler; la concertazione di Albrecht ha reso molto bene il carattere suggestivo dell’introduzione del primo movimento, eseguito con grande cura delle dinamiche e dei dettagli. Questa cura, del resto, contraddistingue l’esecuzione dell’intera sinfonia sia nei momenti più sereni come il bellissimo Ländler del secondo movimento, sia in quelli di più intensa drammaticità, come il
disperato grido dell’incipit del quarto all’interno, o ancora. quelli più lirici come il secondo tema dello stesso movimento.

Lascia un commento