Marek Mizera: Chopin Recital

Fryderyk Chopin (1810–1849): Lento con gran espressione in C sharp minor, Op. posth. (1830); Nocturne in F sharp minor, Op. 48 No. 2 (1841); Mazurka in C sharp minor, Op. 41 No. 1 (1838–39); Mazurka in E minor, Op. 41 No. 2 (1838–39); Mazurka in B major, Op. 41 No. 3 (1838–39); Mazurka in A flat major, Op. 41 No. 4 (1838–39); Nocturne in F minor, Op. 55 No. 1 (1843); Ballade No. 3 in A flat major, Op. 47 (1841); Waltz in A minor, Op. posth. (1847–49; 1843?); Waltz in C sharp minor, Op. 64 No. 2 (1846–47; 1840?); Scherzo No. 1 in B minor, Op. 20 (1834–35); Scherzo No. 2 in B flat minor, Op. 31 (1835–37); Polonaise in A flat major, Op. 53 (1842). Marek Mizera (pianoforte). Registrazione: Concert Hall of the Grazyna and Kiejstut Academy in Łódź, marzo 2021. T. Time: 71′ 08″. 1CD DUX1754
Nel panorama discografico le incisioni, anche integrali, della vasta produzione di Fryderyk Chopin non scarseggiano di certo. Nonostante ciò, una nuova è sempre ben accetta soprattutto se propone un programma vario come quello del presente CD pubblicato dall’etichetta DUX. Si va, infatti, dal puro lirismo dei Notturni al romantico slancio dei valzer, dalle delicate miniature delle mazurche alla brillantezza della famosa Polacca in la bemolle maggiore, op. 53. Questo programma così vario e tale da evitare la monotonia delle edizioni integrali di una stessa raccolta è molto ben eseguito da Marek Mizera che riesce a ben destreggiarsi in composizioni dalle caratteristiche musicali ed espressive a volte molto diverse. Dotato di una solida tecnica evidente nei due Scherzi e nella conclusiva Polacca, Mizera
fa sfoggio di un tocco particolarmente espressivo che trova uno dei suoi momenti più belli nello struggente Notturno in do diesis minore (opera postuma) e nel Notturno in fa minore op. 55, n. 1, del quale l’artista riesce a ben rendere l’intenso lirismo.

Lascia un commento